Resine per pavimenti e pareti: guida alla scelta

Le resine sono nate per uso industriale, ma negli ultimi anni sono diventate la scelta privilegiata anche di chi deve ristrutturare la propria abitazione e vuole unire praticità ed estetica. Si tratta infatti di una tecnica decorativa che presenta numerosi vantaggi e che può essere utilizzata per rivestire pavimenti, pareti e piani di lavoro; nella versione classica, il rivestimento in resina si presenta simile al cemento, ma oggi esistono ampie possibilità di personalizzazione e questo ha reso le resine un prodotto sempre più richiesto.

Ne esistono diverse tipologie e la posa è un procedimento tutt’altro che semplice, per cui vi servirà sicuramente il supporto di un professionista; ci sono però alcune cose che dovete sapere prima di fare la vostra scelta: ecco allora tutte le caratteristiche delle resine per pavimento e pareti e alcuni consigli su come utilizzarle in casa.

Resine: qualità e caratteristiche

Le resine artificiali sono prodotti polimerici formati da una base e da un indurente, che possono essere utilizzati per rivestire pavimenti e pareti ma anche mobili, piani di lavoro, top lavabo, saune e perfino sanitari; il rivestimento avrà uno spessore ridottissimo, tra 1 e 3 millimetri, ed è possibile personalizzarlo per ottenere una finitura opaca, lucida, un effetto marmo o spatolato.

Oltre ad essere esteticamente molto interessanti, le resine presentano anche diverse qualità dal punto di vista funzionale:

  • Resistenza – innanzitutto, si tratta di un prodotto duraturo e capace di sopportare senza problemi sbalzi termici e usura.
  • Impermeabilità – le resine sono resistenti all’umidità e non consentono la proliferazione di muffe e colonie batteriche.
  • Praticità – sono facilissime da pulire, richiedono una manutenzione minima e non attirano polvere né microrganismi.
  • Uniformità – qualsiasi superficie rivestita in resina sarà omogenea e uniforme, senza fughe né giunture.

Dove utilizzare le resine

Le resine possono essere utilizzate in qualsiasi stanza della casa, dal bagno alla camera da letto agli esterni; si tratta inoltre di un prodotto che resiste molto bene all’usura e al calpestio, quindi è particolarmente adatto anche a negozi, uffici o show room.

In casa, i rivestimenti in resina sono scelti prevalentemente per due stanze:

  • Bagno > sia per il pavimento che per le pareti, le resine sono una valida alternativa alle piastrelle oppure potete sfruttarle per rivestire delle piastrelle ormai vecchie, risparmiando molto e dando una nuova veste al vostro bagno. Le caratteristiche di igienicità, impermeabilità e facilità di pulizia rendono le resine adatte a rivestire l’interno di docce e vasche da bagno, ma anche il top del lavabo oppure i sanitari.

Cucina > anche in cucina potete scegliere questo materiale per ricoprire delle piastrelle già presenti, magari vecchie o rovinate, oppure semplicemente come rivestimento per il muro tra basi e pensili; grazie alla sua perfetta resistenza a umidità e alte temperatura, non ci saranno problemi dovuti alla vicinanza del piano cottura o alla presenza di acqua e potrete pulirlo con un semplice detergente.

Please follow and like us:
error