Pavimentazioni industriali in calcestruzzo o in resina?

Le pavimentazioni industriali sono costituite tradizionalmente da una piastra orizzontale in calcestruzzo di grandi dimensioni e vengono impiegate, come si intuisce dal nome, prevalentemente in contesti industriali; possiamo comunque trovarle anche in luoghi molto frequentati e soggetti a usura, come ad esempio un centro commerciale. È fondamentale che le pavimentazioni industriali rispondano a requisiti specifici e molto particolari: devono essere durevoli, resistenti a sollecitazioni e tensioni provocate dal passaggio di grandi carichi e non c’è bisogno che siano esteticamente gradevoli; la manutenzione necessaria dev’essere minima e non deve richiedere particolari cure.

Sulla base di queste premesse, cerchiamo di capire quali sono le tipologie di pavimentazioni industriali più comuni e più vantaggiose, sia in termini economici che di praticità.

Pavimentazioni industriali in calcestruzzo

Adatte sia agli interni che agli esterni, perfette per un uso sia industriale che commerciale che civile, le pavimentazioni industriali in calcestruzzo sono indubbiamente le più diffuse e utilizzate: il calcestruzzo è infatti un materiale caratterizzato da resistenza e durezza, che viene prodotto miscelando tra loro in dosi corrette cemento, acqua e inerti. Un pavimento industriale in calcestruzzo è sostanzialmente una grande piastra in calcestruzzo ricoperta da uno strato antiusura in superficie che la rende altamente resistente alle abrasioni.

Ideale per essere usato nel settore edilizio, è impiegato anche in aree industriali, magazzini, piazzali, parcheggi, centri commerciali e qualsiasi altro contesto che abbia bisogno di una base di appoggio sicura e resistente; a seconda della destinazione d’uso, è possibile adottare soluzioni che permettono di preservare il pavimento da agenti atmosferici come freddo e gelo, aggressioni chimiche o sollecitazioni di peso statiche e dinamiche.

Pavimentazioni industriali in resina

Le pavimentazioni industriali in resina rappresentano una soluzione sempre più utilizzata per le sue prestazioni eccellenti da diversi punti di vista. La resina, applicata sui pavimenti in calcestruzzo, assicura una durezza e un’elasticità fuori dal comune ed è l’ideale non solo in contesti industriali ma anche in magazzini, officine, capannoni o qualsiasi luogo dove c’è un alto traffico di muletti o altri mezzi su ruote. La resine presenta caratteristiche eccellenti, ad esempio l’elevata conducibilità termica, l’assenza di fughe nel pavimento e quindi l’omogeneità della superficie, l’alta impermeabilità e l’ottima resistenza nel tempo.

Esistono varie tipologie di resina che vengono applicate sulle pavimentazioni industriali, una per ogni destinazione d’uso del pavimento: in contesti poco sollecitati sarà sufficiente un film relativamente sottile mentre in ambienti industriali verrà installata sicuramente una resina multistrato. Infine, un dettaglio non da poco, è che le pavimentazioni industriali in resina sono perfettamente igieniche grazie alla stabilità fisica e chimica dei materiali, caratteristica che le rende adatte anche al settore alimentare e farmaceutico.

Please follow and like us:
error